Four more years. Per favore

Posted on novembre 7, 2012

0


Obama ha vinto di nuovo le elezioni negli Stati Uniti. Come una rockstar si permette di postare foto di quasi intimità per festeggiare. Quella utilizzata quest’anno “Four more years.”, ha avuto oltre tre milioni di like su Facebook. Una foto emozionante, in cui abbraccia Michelle che rappresenta l’America che l’ha votato. Il punto fermo alla fine della frase dimostra come sia un’affermazione perentoria, un dato di fatto. Le elezioni hanno sancito che lui è il Re, almeno per altri quattro anni.

Immagine e didascalia sono in accordo e simboleggiano il potere democratico più forte sul Pianeta, eppure, giocando con simboli e parole, abbiamo utilizzato la frase “Ancora quattro anni” come se fosse una preghiera, riferendosi magari al contratto di lavoro di un precario, o al contratto d’affitto. Da quattro gli anni sono diventati uno, perchè davvero la speranza, o la preghiera del precario si accontenta di piccoli passi. Bastano le mani giunte di San Precario e tutto cambia. 

Obama ci apre la strada, noi ci mettiamo in fila sfruttando la sua scia.

Posted in: Immaginari